Anouk2000

UNA SCELTA CASUALE CHE DIVENTA PASSIONE

Mi chiamo Fiore e ho 35 anni, da bambina ho desiderato come molte altre bambine crescere velocemente per diventare ballerina, poi parrucchiera e forse  altri mille mestieri diversi. Quando sono cresciuta, nel periodo delle scuole medie, ho iniziato a frequentare l’oratorio, dapprima come aiuto animatrice e poi inserita nel gruppo degli adolescenti…credo siano stati gli anni più spensierati della mia vita! Proprio in quel periodo rendendomi conto di essere portata per la “gestione” dei bimbi più piccoli, ho avuto la possibilità di frequentare un corso base per animatori d’oratorio. Credo che sia stato proprio quel corso a cambiarmi la vita in modo radicale e col senno di poi mi rendo conto che  oltre ad indirizzarmi professionalmente, proprio durante quella magnifica esperienza ho conosciuto il ragazzo che dopo molto tempo (e dopo mille vicissitudini!), è diventato il compagno della mia vita e il padre dei miei figli. Comunque, grazie a quel corso mi sono inserita stabilmente all’interno dei gruppi di animazione d’oratorio e contemporaneamente frequentavo la scuola magistrale per diventare insegnante di scuola materna. Strada facendo mi rendevo conto che i bambini che mi appassionavano di più erano quelli diversamente abili o con disturbi di comportamento, quei bambini insomma che richiedevano più pazienza e attenzione.

Fu per questo che iniziai a pensare che forse il mio futuro era quello di dedicarmi ad aiutare le persone “diverse” e in condizioni di fragilità. Mi informai, feci domanda alla scuola per infermieri e fui accettata…e così iniziò la mia avventura! Durante i tre anni di scuola  non nascondo di aver avuto molti dubbi sul fatto di aver fatto la scelta giusta, ma qualcosa mi fece andare avanti. Finalmente, al  terzo anno, conobbi l’insegnante di Geriatria che in sole 10 ore di corso,  mi trasmise con la sua passione per questo mondo meraviglioso, il desiderio di provare a conoscerlo. Una volta diplomata, nel 1993, portai la domanda di assunzione in casa di riposo e venti giorni dopo indossavo la divisa da infermiera e, senza saperlo ancora, iniziavo un percorso di crescita umana e professionale. Nel 1995 all’interno della struttura dove lavoravo e lavoro tutt’ora, aprirono i Nuclei Alzheimer e avendo avuto alcune  appassionanti esperienze con persone affette da questa malattia nel reparto precedente, iniziai a lavorare nei nuclei. Oggi eccomi qui, a scrivere della mia esperienza con la demenza, nella speranza di conoscere altre persone che come me credono fortemente che il lavoro di cura non sia fatto solo di somministrazione di farmaci e di competenze tecniche, ma che con impegno e fatica (non poca!), si può diventare persone e professionisti migliori, capaci di instaurare con questi malati profonde  relazioni, perché anche le emozioni possono “far star bene” e quelle positive non hanno mai effetti collaterali!

Annunci

2 risposte a “Anouk2000

  1. Complimenti vivissimi per il vostro blog.
    Più che un commento, vorrei dedicare una poesia a tutti gli ospiti che alloggiano al reparto Alzheimer.
    Un abbraccio Ivan

    OLTRE LA COLLINA

    Tutto rimane là, dietro la collina.
    Tutto rimane là.
    I ricordi più intimi e cari, nascosti, abbandonati, dimenticati nel profondo del mio animo, non sorgono più.
    Tutto rimane là, dietro la collina.
    Tutto rimane là.
    Il vento ha cancellato ogni traccia del mio passato.
    Tutto rimane là, dietro la collina.
    Tutto rimane là.
    Lo sguardo fisso, in un punto indefinito, tra cielo e terra.
    Osservo curioso quegli alberi che sconfinano all’orizzonte, oltre il quale è impossibile immaginare.
    L’oblio ha coperto ogni cosa, portandosi via stralci di memoria.
    Tutto rimane là, dietro la collina.
    Tutto rimane là.
    Cammino zoppicando, strisciando per terra, avvinghiato ad un sogno improbabile, infantile.
    Tutto rimane là, dietro la collina.
    Tutto rimane là.
    La mia vita, risucchiata dalle onde impetuose del mare.
    Tutto rimane là, dietro la collina.
    Tutto rimane là.
    La mente cattiva e severa, ha annullato la mia infanzia, la mia giovinezza, spazzando via ogni dolce ricordo, lasciando il posto ad un vuoto incolmabile.
    Ora tutto rimane là, dietro la collina.
    Tutto rimane là.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...